La chiesa e la fontana di Saint-Sulpice
La chiesa e la fontana di Saint-Sulpice

La Chiesa di Saint Sulpice

La chiesa settecentesca di Saint Sulpice è una delle chiese più semplice e allo stesso tempo più famose di Parigi. La struttura maestosa e la sua fama, amplificata anche grazie al Best Seller "Codice da Vinci" di Dan Brown, la rende una meta imperdibile per tutti i turisti, che scelgono come meta la capitale francese. Inoltre, dopo la visita alla chiesa (gratuita), potrete unire uno squisito caffè nell'omonima piazza e godere della vista della chiesa e dalla sua imponente fontana.

La storia

La chiesa di Saint Sulpice, esprime a pieno i vari mutamenti di gusto tra il '600 e il '700 ed è un valido esempio di imponenza e semplicità allo stesso tempo. L'edificio venne iniziato nel 1646, ma occorsero molti anni prima di vederlo finito e in realtà attualmente si può ancora definire un'opera incompiuta, poiché una delle torri (quella a sud) non è stata mai ultimata. La facciata era composta da due vortici sovrapposti e un frontone, quando venne ultimata nel 1745 da Giovanni Nicolò Servandoni. Nell'800, dopo la caduta del frontone a causa di un uragano, quest'ultimo venne sostituito da una terrazza con balaustra. Il 1727 segnò una delle date più importanti nella storia di questa chiesa, poiché fu richiesta la costruzione di un gnomone astronomico, che in seguito si rivelò non solo utile nel calcolo dell'equinozio di marzo (e della Pasqua) , ma si rivelò unico motivo di salvezza per cui la chiesa. Infatti, grazie alla presenza dello gnomone astronomico, non fu demolita durante gli anni della rivoluzione francese.

Visita

Visitare la chiesa è possibile tutti i giorni dalle ore 7:30 alle 19:30, mantenendo massimo rispetto durante le funzioni religiose. Il costo della visita è gratuito, in ogni caso se lo si desidera si può lasciare un'offerta. Se gli esterni sorprendono per la semplicità, i suoi interni sorprendono per grandezza (118 x 17 metri) e bellezza dei suoi affreschi e sculture. Nella prima cappella a destra (cappella degli angeli), potrete ammirare gli affreschi di Eugène Delacroix e l'effige di San Pietro, veramente molto simile a quella presente nella Basilica di San Pietro in Vaticano. All'inizio della navata, verrete colpiti dalla presenza di due bellissime acquasantiere di Jean-Baptiste Pigalle. I pilastri sono decorati da sculture di Edme Bouchardon, ma senza alcun dubbio l'attrazione che più colpisce e affascina è l'obelisco di circa 11 metri con lo gnomon astronomico, reso celebre nel romanzo e nel film "Il Codice da Vinci". Una striscia di rame corre lungo l'obelisco e continua sul pavimento in direzione nord-sud, creando la famosa meridiana che determina con precisione l'equinozio di marzo e quindi la domenica di Pasqua.

La piazza e la fontana

L'omonima piazza ospita, oltre alla chiesa, una bellissima e imponente fontana. La fontana, raffigurante quattro vescovi (mai divenuti cardinali) nei quattro punti cardinali, è uno spettacolo da godersi seduti in piazza o comodamente seduti in una delle numerose caffetterie. Scoprirai in questo luogo, un piccolo angolo di pace a Parigi dove rilassarti prima della prossima tappa del tour, la quale potrebbe essere: il vicinissimo Teatro de l'Odéon edificato al centro dell'omonima piazza.

contentmap_plugin